image description
Blog

A cosa servono 800 pallet in legno? A costruire una casa ecologica e a basso costo!

L’idea, sicuramente bizzarra ma altrettanto geniale, è di Gregor Pils e Andreas Claus Schnetzer: due giovani architetti austriaci che sono riusciti nell’impresa di realizzare una casa interamente costruita con i pallet!

Di idee ecologiche strampalate, nate un po’ per provocazione e un po’ per passione, ne abbiamo sentite tante. Eppure, questa sembra davvero meritare tutta la nostra attenzione!

 

Di cosa sto parlando? 

 

Della pallet-house, la casa interamente costruita con pallet in legno riciclato

 

L’idea è di Gregor Pils e Andreas Claus Schnetzer, due architetti viennesi che, uniti dalla passione per l’architettura e l’eco-sostenibilità, hanno presentato il loro ambizioso progetto durante l’”European student competion on sustainable architecture”- un concorso rivolto agli studenti di architettura europei per l’ideazione di una casa sostenibile.

 

Il risultato? 

 

Pils e Schnetzer hanno vinto e hanno potuto realizzare la loro idea: la prima casa in pallet della storia è stata presentata al pubblico durante la Biennale di Architettura di Venezia.

 

Muri, pareti, tetto, tutto rigorosamente creato con pallet riciclati e utilizzati precedentemente per il trasporto e lo stoccaggio delle merci.

 

Perché proprio i pallet in legno? 

 

Perché il legno, soprattutto quando riciclato, consente di risparmiare denaro rispetto ai costosi materiali da costruzione, perché i pallet sono leggeri e quindi facilmente trasportabili, perché permettono di costruire un edificio in tempi veloci”- C. Schnetzer.

 

A conti fatti, con 800 pallet riciclati si può realizzare una casa di 60 m², ad un costo stimato di 8 euro al pallet. 

 

Insomma, una casa alla portata di tutti. 

 

Ed è proprio qui che i due architetti volevano arrivare. Sostenibilità a parte, la loro missione ha un obiettivo ancora più nobile: con un’abitazione in pallet a basso costo è può facile dare delle case alle popolazioni povere. Proprio come quelle che hanno già in cantiere per il risanamento dei quartieri poveri del Cairo e del Sudafrica.

Lascia un commento